#grazieevasore Il video che che sta spopolando Grazie Evasore

News

#grazieevasore Il video che che sta spopolando Grazie Evasore

STOP EVASIONE FISCALE! #grazieevasore

Sull’onda dei video di ringraziamento di Facebook e dopo il video di ringraziamento al commercialista ecco il nuovo video che ringrazia di cuore il nostro amico evasore, l’evasore senza volto che ogni anno ruba agli italiani miliardi di euro. I ringraziamenti sono d’obbligo ora che arriva il periodo più dolce dell’anno: momento in cui tutti sono più buoni e ci si scambia i regali del Natale. Il nostro caro evasore non poteva di certo mancare nella lista dei migliori amici a cui fare il tanto atteso regalino: lui che è sempre stato presente nei nostri momenti più bui e tristi, lui che ci ha confortato e sostenuto in tempi di crisi. Insomma, la classica spalla su cui piangere. Ed eccoci qua. Pubblici ringraziamenti nonchè video-regalo da scartare sotto l’alberello.

Ovviamente il regalo deve essere contraccambiato, altrimenti che Natale è? Ma soprattutto che amico sarebbe? L’amico evasore ha pensato bene di ricambiarci così: con tante cose belle da realizzare! L’unico difetto è che non si potranno mai mettere in pratica.

Ma direte voi: ma cosa sono queste cose? E perchè non si possono fare? Semplice! Perchè mancano sempre i soliti….soldi.

Una bella lista delle cose che potremmo fare:

  • rendere più sicure le nostre scuole italiane;
  • costruire migliaia di asili nido comunali;
  • fornire la disoccupazione a 18 mila italiani che vivono in condizioni precarie;
  • finanziare la ricerca in Italia perchè senza “non c’è più futuro”;
  • costruire strutture ospedaliere destinate al settore pediatrico;
  • aumentare il numero dei treni in fasce orarie di punta con l’obiettivo di rendere più agevole la vita ai pendolari;
  • regalare a migliaia di persone in difficoltà un pasto caldo il giorno di Natale, giorno in cui tutti dovrebbero passarlo con spensieratezza e in compagnia dei propri cari.

Non resta che dire davvero #grazieevasore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...