Come fare stretching senza farsi male
Come fare stretching senza farsi male
Video imperdibili

Come fare stretching senza farsi male

Fare stretching rappresenta l'allenamento migliore per tonificare i muscoli. Scopri come è possibile fare stretching in modo sano senza farsi male.

Lo stretching è il modo migliore per allenare i propri muscoli. Stirare i muscoli prima e dopo l’allenamento è importante più dell’allenamento stesso per la buona riuscita della vostra sessione sportiva. Ma farlo nel modo giusto è ancora più importante perché basta poco per rendere tutto vano o addirittura farsi male.

Come fare stretching senza farsi male

L’allarme obesità è sempre più elevato in Italia e nel Mondo. Le prime statistiche affermano che entro il 2025 circa 268 milioni di ragazzi saranno in sovrappeso. Di questi circa 91 milioni soffriranno di obesità. Per questo motivo è fondamentale iniziare sin dalla giovane età a fare sport. Solitamente i ragazzi preferiscono gli sport di squadra: calcio, pallavolo, basket. Pochi però sanno che il modo migliore per allenarsi e mantenersi in forma è quello di fare stretching.

Ogni persona, come è giusto che sia, ha un proprio approccio personale con lo stretching. Alcuni decidono di farlo per prevenire il dolore altri per ridurlo quando esso è già presente.

Questa pratica è molto utilizzata nel mondo dello sport perché permette di aumentare le proprie performance fisiche. Pochi però sanno che lo stretching è da considerarsi una forma di esercizio terapeutico. Lo stretching è infatti in grado di portare molti benefici al corpo di chi lo pratica. Bisogna però stare molto attenti perché può portare anche delle controindicazioni o creare danni se fatto nel modo o nel momento sbagliato.

Consigli

La prima cosa da evitare assolutamente è quella di utilizzare i muscoli a freddo. È infatti consigliabile, prima di cominciare l’allenamento vero e proprio, effettuare dei pre esercizi. Per esempio l’ideale potrebbe essere una piccola passeggiata che permetterà di scaldare i muscoli per evitare di farsi male. Una volta che si è effettuato il riscaldamento si può iniziare con lo stretching. Molto importante sarà cercare di sforzare il muscolo senza però causare dolore, nemmeno lieve. Non bisogna cercare di raggiungere obiettivi troppo lontani e bisogna restare nei limiti delle proprie possibilità.

Non bisogna effettuare gli esercizi di stretching di fretta. Questo sport merita il tempo necessario per garantire i risultati sperati. Per questo motivo bisogna scegliete un luogo tranquillo per effettuare gli esercizi completamente rilassati. Se i muscoli sono sciolti il risultato sarà sicuramente migliore. Ogni posizione dello stretching deve essere mantenuta per almeno 30 secondi. Meno di così l’efficacia sarà decisamente ridotta. Chiaramente non ci si possono aspettare risultati immediati, essi verranno solo con il passare degli esercizi e del tempo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche